A Joe Marrazzo la targa alla memoria del Premio Rocco Chinnici

targaIl giornalismo di Giuseppe Marrazzo continua ad essere un esempio per chi vuole fare questo mestiere. Ecco perché XIV Premio Rocco Chinnici ha dedicato proprio a Joe la targa alla memoria.
Questa la motivazione: “Giuseppe-Joe-Marrazzo, nella sua  carriera ha svolto la professione di giornalista con passione, raccontando con stile rigoroso e asciutto e senza censure le mafie e i fenomeni sociali che le alimentano. Marrazzo ha saputo interpretare il ruolo del servizio pubblico come esempio per tanti giovani che si avviano a questa professione. A distanza di 31 anni dalla sua morte la sua figura, il suo stile, la sua capacità di porgere il microfono anche a boss della camorra come Raffaele Cutolo, capo della Nuova Camorra Organizzata, dovrebbe essere preso come modello di riferimento alternativo ad un’informazione senza contenuti, incapace di analisi, motivazionebasata sulla mera ricostruzione dei fatti di sangue, con riproduzioni sterili di plastici in studio che non aiutano a capire, lontano dallo stile di Joe Marrazzo, che invece ha sempre contestualizzato storie che raccontava. Il giornalismo di cui egli è stato inarrivabile interprete si è sempre basato sul racconto della realtà, del fatto, della testimonianza, indagandone le cause e gli effetti.
La targa alla Memoria della premio Chinnici riconosce in Joe Marrazzo la figura di un giornalista che ha saputo svolgere il proprio mestiere con un profondo impegno etico nell’ambito del servizio pubblico, esempio di giornalismo libero, necessario per la crescita democratica del Paese, per affermare i valori della democrazia e per alimentare le coscienze al fine di sconfiggere le mafie.
Piazza Armerina 13 maggio 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *